26.07.2010
Politica » Silvia Vicari

Etleboro
Varsavia - "L'Alleanza taglia i finanziamenti agli investimenti nel nostro paese. Intanto il Ministero della Difesa pensa come salvare la situazione". Secondo il quotidiano «Rzeczpospolita», lo Stato Maggiore stima che l’agenzia della NATO, che si occupa degli investimenti nel settore della Difesa, ha intenzione quest’anno di tagliare fino al 40% dei fondi per i progetti già attuati. Già l’anno scorso i finanziamenti alle aziende per i lavori svolti avevano subito ritardi. Circa 750 miliardi di euro è la cifra che le imprese polacche avrebbero dovuto guadagnare entro il 2014, grazie ai lavori implementati dagli Alleati. Il motivo dei tagli ai finanziamenti da parte della NATO, va ricercato sicuramente nella crisi attuale ma anche, e soprattutto, scrive «Rz», nell’aumento delle spese per le attività in Afghanistan. "Lunedì, il Ministero della difesa cercherà una soluzione che garantisca la continuazione della modernizzazione delle basi strategiche, tutelando così le imprese polacche coinvolte", ha dichiarato il colonnello Wieslaw Grzegorzewski, direttore dell'Ufficio Stampa e Informazione del Dipartimento della Difesa.